La PEC per la data certa di un documento
30/09/2016 4 min 529 Servizi Certificati

La PEC per la data certa di un documento

Dal 1° aprile 2016, Poste Italiane non eroga più il servizio detto “Data Certa”.

Questo servizio permetteva di certificare la data di un documento tramite un timbro postale. La procedura permetteva così di attestare la data del documento e renderlo così opponibile a terzi.

Forse non tutti sanno che si può usare la PEC per certificare la data, addirittura il momento preciso, di una comunicazione e di documenti.

Per fare ciò basta che tu abbia una casella di posta elettronica certificata.

I passi sono semplici e li puoi fare da solo senza bisogno di specialisti.

Richiedi una consulenza personalizzata

E’ sufficiente creare un nuovo messaggio PEC e inviarlo a se stessi, non serve un’altra PEC.

Nell’oggetto della PEC scrivi un riferimento al documento.

Nel corpo della PEC riporta il testo del documento stesso, di non limitarti a spedire solo l’allegato.
Questo per evitare possibili contestazioni del contenuto dell’allegato, che non è certificabile dalla ricevuta generata dal gestore.

Una volta effettuato l’invio, ricordati di conservare le due mail certificate inviate dal gestore, la ricevuta di invio e la ricevuta di consegna. Sono queste ricevute che certificano la data certa del documento spedito.

Come puoi vedere è facile, immediato, non ha costi e non hai bisogno di uffici o intermediari.

L’unica cosa che ti devi ricordate è di conservare digitalmente le due ricevute del gestore. Le puoi stampare per tua comodità, ma ricorda che sono valide solo quelle digitali presenti nella tua casella PEC e non quelle stampate.

Per una tua maggiore sicurezza puoi effettuare un backup delle PEC secondo gli standard di conservazione delle PEC.

Richiedi una consulenza personalizzata