Bonus Vacanze 2023 in Sicilia: Come Ottenerlo e Risparmiare
28/02/2007 3 min 760 info

Bonus Vacanze 2023 in Sicilia: Come Ottenerlo e Risparmiare

Un’opportunità da cogliere al volo per i viaggiatori che desiderano visitare la Sicilia è il Bonus Vacanze offerto dalla Regione Siciliana per il 2023. Questo programma, chiamato “See Sicily”, permette di beneficiare di sconti, promozioni e addirittura di un’escursione gratuita acquistando un soggiorno presso le agenzie e i tour operator convenzionati.

Il programma See Sicily, introdotto con la Delibera di Giunta regionale 325 del 2020, è stato confermato anche per il 2023 dalla Delibera n. 136 del 23 marzo 2022, con uno stanziamento di circa 79 milioni di euro.

Per ottenere il voucher del Bonus Vacanze, è possibile visitare il sito ‘VisitSicily.info’.

Questo voucher è destinato ai turisti che intendono prenotare un soggiorno di almeno tre notti in Sicilia, comprese le isole minori come Pantelleria, Ustica, le Eolie, le Egadi e le Pelagie.

Acquistando un pacchetto viaggio tramite gli operatori abilitati, si può ricevere una notte gratuita ogni tre notti di soggiorno in una delle strutture convenzionate, fino a un massimo di due notti regalate.

Oltre alla notte gratuita, il programma include anche un servizio in regalo a scelta tra escursioni, tour guidati o immersioni.

Il Bonus Vacanze dedicato alla Sicilia non si limita solo agli sconti sul soggiorno. Prevede anche uno sconto del 50% sul costo dei biglietti aerei nazionali e internazionali, nonché sui traghetti, navi e aliscafi per l’Isola maggiore e le isole minori. Tuttavia, questo sconto è valido solo per i pacchetti viaggio con date di inizio entro il 30 settembre, ad eccezione dei mesi di luglio e agosto.

Sul sito ‘Visit Sicily’ vengono forniti ulteriori dettagli, come il massimale di sconto di 100 euro per i voli nazionali o da destinazioni europee e di 200 euro per i voli internazionali. Per usufruire dello sconto del 50%, il costo della tratta aerea deve essere superiore a 50 euro, ad eccezione dei voli per le isole minori, per i quali non è prevista una spesa minima.

È importante sottolineare che la questione dei prezzi elevati dei voli per la Sicilia è stata affrontata dalla Regione che sta cercando di intervenire in modo strutturale per abbassare i costi delle tratte da e per l’Isola. Recentemente, è stato siglato un accordo tra l’amministrazione Schifani e la compagnia aerea Aerotialia per aumentare i collegamenti tra Roma e Palermo, contribuendo a ridurre le tariffe sul mercato.

Richiedi una consulenza personalizzata

Tags dell’articolo: