Guida pratica per scegliere il tonno in scatola
20/03/2007 3 min 957 info

Guida pratica per scegliere il tonno in scatola

Il tonno sott’olio in scatola rappresenta una soluzione rapida e salutare per un pasto veloce. Tuttavia, con una vasta gamma di opzioni disponibili sugli scaffali dei supermercati e dei discount, scegliere il miglior tonno può essere un compito impegnativo. In questa guida, ti forniremo consigli utili per navigare tra le diverse offerte e fare una scelta consapevole.

Una delle prime decisioni da prendere riguarda la specie di tonno.

Le due specie più comuni sono il tonno pinna gialla e il tonnetto striato.

Mentre il tonno pinna gialla viene spesso considerato un prodotto pregiato, va notato che è classificato come una specie a rischio dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

D’altra parte, il tonnetto striato è una scelta più sostenibile, con popolazioni ittiche più stabili. Tuttavia, il tonno pinna gialla è noto per avere una carne più gustosa rispetto al tonnetto striato.

Per fare una scelta informata, prendi in considerazione anche le informazioni riportate sulla confezione del tonno. Cerca indicazioni sulla zona di pesca, che potrebbe essere specificata come “Zona FAO”.

Alcune zone di pesca, come il Pacifico occidentale e centrale (FAO 61, 71, 81), sono considerate raccomandate, mentre altre, come l’Oceano Atlantico (FAO 31, 34, 41, 47) e l’Oceano Indiano (FAO 51, 57), sono sconsigliate a causa delle condizioni delle popolazioni di tonno locali.

Oltre alla zona di pesca, considera anche il metodo di pesca utilizzato. Alcuni metodi, come la pesca con reti a circuizione e l’uso di dispositivi aggreganti di pesci (FAD), possono causare catture accidentali di altre specie marine, tra cui giovani tonni, squali, delfini e tartarughe marine.

Invece, la pesca a canna e la pesca con reti a circuizione su banchi liberi, senza l’uso di FAD, sono considerate metodi più selettivi e rispettosi dell’ambiente marino.

Quando leggi l’etichetta del tonno in scatola, tieni presente alcune informazioni importanti. Oltre al peso netto, fai attenzione al peso sgocciolato dichiarato sull’etichetta. Questo può aiutarti a confrontare prodotti simili e scegliere quello più conveniente in base al rapporto peso-prezzo.

L’etichetta nutrizionale è un’altra componente da considerare, soprattutto se hai esigenze dietetiche specifiche. Non tutti i tonni sott’olio sono uguali dal punto di vista nutrizionale.

Alcune varianti possono contenere meno calorie e meno grassi rispetto ad altre, poiché sono meno impregnate di

olio. Inoltre, controlla il contenuto di sale, poiché alcune marche possono avere una quantità elevata di sale aggiunto per insaporire il tonno. Optare per una scatoletta con meno sale può favorire la tua salute.

Ricorda che, nonostante il tonno sott’olio sia gustoso e salutare, è comunque un pesce trasformato. Le linee guida per una sana alimentazione raccomandano un consumo di 50 grammi di tonno sgocciolato a settimana, che corrisponde approssimativamente a una scatoletta.

Fai attenzione a queste informazioni quando scegli il tonno in scatola, in modo da optare per una opzione che sia non solo gustosa, ma anche sostenibile e in linea con le tue esigenze nutrizionali.

Scegliere il miglior tonno significa fare una scelta consapevole per il tuo benessere e per la salute dell’ambiente marino.

Richiedi una consulenza personalizzata

Tags dell’articolo: